Un’ode a Dolce e Gabbana

un ode a dolde e gabbana

Avevo recentemente parlato (qui) degli orrori sotto forma di gioielli che il mondo della moda ci propone.
Per fortuna non è sempre così e c’è un marchio specifico che guardo sempre con gli occhi a forma di cuore.

Nonostante il periodo *wannabe* minimal che il mio armadio sta attraversando so che per questi accessori, che minimal non sono mai affatto, farei 1, 2, centomila eccezioni: i gioielli di Dolce & Gabbana.
Ricchi, barocchi, alcuni li definirebbero pacchiani ma non io, sono pieni di richiami alla cultura tradizionale italiana soprattutto quella siciliana, e questo non ci basta?

Tra tutti gli articoli di bigiotteria gli orecchini sono sempre stati i miei preferiti, soprattutto se rivisitati in chiave ironica. E cosa c’è più bello di un paio di fichi smaltati alle orecchie? O un paio di mele? O delle maioliche bianche e azzurre?

So che molte potranno non essere d’accordo sui miei gusti ma vi giuro che se fossi una ricca milionaria sicuramente ogni gioiello Dolce & Gabbana di ogni collezione di ogni anno sarebbe mio.

Ecco quindi un excursus della evoluzione delle collezioni degli anni dei miei amati.

SS 2016

Zagara e limoni, qui impazzisco

FW 2015/2016

SS 2015

FW 2014/2015

SS 2014
L’anno delle monete, meravigliosi

FW 2013/2014

SS 2013

Teste di Caltagirone, ne voglio 100

FW 2012/2013

SS 2012
Chi non si ricorda gli orecchini con la pasta e le verdure?? <3

FW 2012/2013

SS 2011

FW 2010/2011

SS 2010